Idee di Natale: angioletti di pasta

Un’idea semplice e molto carina per Natale? Dei simpatici angioletti fatti di pasta, con cui rallegrare pacchetti e biglietti di auguri, oppure da utilizzare come segnaposto per la vostra tavola, o ancora come decorazioni da appendere al vostro albero di Natale!

Ecco quello che occorre:
Pasta del tipo “farfalle”
Colori a tempera o smalti
Eventuali brillantini
Perline di media dimensione
Filo colorato
Colla (meglio se a caldo)
Forbici

angioletti

Vediamo quindi le istruzioni per realizzare un angioletto di pasta:

Prendete una unità di pasta del tipo “farfalla” e tenetela da parte. Sarà le ali del vostro angioletto.
Prendetene un’altra e spezzatela a metà. Se avete difficoltà, un metodo per spezzarla facilmente senza romperla, è quella di poggiare la punta di un coltello sulla parte centrale e dare un colpetto secco sul manico.
Una delle due metà non vi servirà (potete tenerla per un altro angioletto), l’altra metà sarà il corpo del vostro angioletto.

Incollate quindi le due parti come in foto, in modo da formare il corpo completo di ali (la parte tagliata va incollata al centro della farfalla integra).
Scegliete ora i colori che più vi piacciono e decorate l’intera superficie. Per questa operazione, potete utilizzare sia tempere che smalti.
Lasciate asciugare.

Tagliate un pezzo di filo colorato e fatene un fiocchetto.
Incollatelo quindi sul punto di unione tra il corpo e le ali, in posizione centrale.

Prendete infine una perlina proporzionata al corpo dell’angioletto e incollatela in modo che faccia da testa. Se la perlina è forata, potete inserire un filo dorato o di altro colore a fare da aureola.
A questo punto, potete incollare un altro nastrino sul retro dall’angioletto, in modo da poterlo appendere.

La vostra decorazione fai da te di Natale è ora pronta per abbellire pacchetti regalo, la vostra casa, oppure per essere appesa sul vostro albero di Natale!

Ott 28, 2016 - Senza categoria    No Comments

Come fare le patatine nel microonde

Oggi vi propongo un metodo per preparare delle ottime patatine fritte… identiche a quelle in commercio ma più sane ed economiche!
Servono solo:

  • un forno a microonde,
  • un disco di carta forno,
  • patate
  • sale
  • spezie (facoltativo)
    patatine nel microondeProcedimentoTagliare una patata media con la mandolina, tamponare le fette per asciugarle con un panno da cucina, e disporle sul disco di carta forno. Spolverizzare con sale e spezie a piacere. Inserirle nel forno per 6 minuti a 600W più un 1 alla massima potenza.
    I tempi sono indicativi, variano da forno a forno, con poche prove sarete in grado di stabilire perfettamente i tempi adatti al vostro.Con un po’ di fantasia si possono avere patatine per tutti i gusti. Io le ho provate classiche con sale integrale, con prezzemolo e aneto, pepe e limone, paprica, curry e aceto balsamico. Sconsiglio invece origano e rosmarino, che danno un retrogusto amarognolo non molto gradevole.
    Se vi piace un aroma diverso, munitevi di un nebulizzatore per condimenti, ce ne sono in vendita a pochi euro, da utilizzare con limone o aceto balsamico.

    La spesa per un chilo di patate va da 1 a 2,50 euro al chilo, lo stesso, circa, di un sacchetto di patatine fritte da 200 grammi. Ma sapete quante ne bastano per fare un sacchetto da 200 grammi? Una sola patata grande o due piccole!
    Calcolando una porzione media (un sacchetto da 200 grammi) e l’energia elettrica necessarie, abbiamo il nostro ‘sacchetto di patatine’ con solo 0,35 euro!


Set 16, 2016 - Senza categoria    No Comments

Magnetini e puntine

 

Potrete trasformare i vostri tappi di bottiglia in magnetini per decorare il frigorifero o in puntine per la vostra bacheca. Potrete infatti posizionare sul retro di ogni tappo una piccola calamita o una puntina da disegno. Ogni tappo è personalizzabile rivestendolo con degli adesivi o con delle immagini ritagliate dalle pagine delle vecchie riviste.

tappi di bottiglia magnetini 2

 

tappi di bottiglia magnetini 1

Set 9, 2016 - Senza categoria    No Comments

Allontanare le formiche

 

Anziché ricorrere agli insetticidi, la prossima volta che vorrete allontanare dalla vostra casa insetti come le formiche, provate a utilizzare le vecchie spezie. Quelle con l’aroma più forte saranno perfette. Provate con peperoncino, origano, salvia e menta piperita. Cospargetele sui davanzali delle finestre o negli angoli della casa più problematici.

Ago 26, 2016 - Senza categoria    No Comments

Carta da piantare: come produrre carta riciclata con i semi

carta da piantare 2

Se amate il giardinaggio e il fai-da-te, dovrete sperimentare questa originale idea regalo, adatta sia per i grandi che per i bambini. Con i semi e della carta di recupero è possibile realizzare della vera e propria “carta da piantare”.

La si può utilizzare direttamente in vaso e attendere la crescita dei germogli e delle piantine. Oppure la si può trasformare in biglietti d’auguri o di invito, cartoline, chiudipacco, o in un regalo vero e proprio.

In poche parole, otterrete dei nuovi foglietti di carta riciclata, da piantare e/o su cui scrivere.

Prima di tutto dovete raccimolare tutta la carta da buttare.

 

1) Suddividete la carta in tanti pezzettini, della grandezza di un coriandolo, o poco più. Qualsiasi tipo di foglio di carta va bene. Ovviamente, l’idea davvero ecologica consiste nel non utilizzare fogli di carta nuovi, ma di recupero, che altrimenti avreste gettato. Avrete bisogno della quantità di carta necessaria a riempire per metà il vostro frullatore.

2) Versate i pezzetti di carta nel frullatore. Se volete ottenere un effetto colorato, potrete aggiungere alla preparazione qualche pezzetto di carta velina della vostra tonalità preferita. Versate acqua di rubinetto calda nel frullatore fino a riempirlo completamente.

3) Azionate il frullatore a bassa velocità. Aumentatela in modo graduale, ogni quattro secondi circa, così da evitare che la carta possa aderire alle lame.

4) Frullate ad alta velocità per 30-40 secondi. A questo punto avrete ottenuto un composto omogeneo formato da carta e acqua. Controllate che non siano rimasti altri frammenti e frullate per altri 10-15 secondi.

5) Versate i semi nel frullatore e mescolateli al composto di carta e acqua con un cucchiaio di legno. E’ sufficiente un cucchiaino di semi. Attenzione: non dovrete frullare i semi. Potrete usare semi di fiori o di erbe aromatiche. Se vorrete scrivere sulla vostra carta da piantare, scegliete dei semi piccoli, in modo da ottenere una superficie omogenea.

carta da piantare 4

6) Filtrate il tutto attraverso un colino, in modo da separare i semi e il composto ottenuto dalla quantità eccessiva di acqua che ora contiene. Premete contro il colino in modo da eliminare l’acqua al meglio. Posizionate il colino al di sopra di una ciotola o sul lavello.

7) Versate il composto ottenuto su di un telo di flanella o di feltro. Date alla carta da piantare la forma che vorrete ottenere, aiutandovi con le mani o con delle formine per biscotti. Lo strato da formare dovrà essere piuttosto sottile, in modo che possa asciugare più in fretta.

8) Premete con le dita sulla superficie della carta da piantare e utilizzate una spugnetta per assorbire l’acqua in eccesso. Premete per un paio di volte e poi risciacquate e strizzate la spugnetta prima di utilizzarla di nuovo. Questa fase vi servirà per ottenere una carta da piantare dello spessore desiderato.

carta da piantare 1

carta da piantare 3

 

9) Per rimuovere l’aqua rimanente, e per facilitare il processo di asciugatura, premete la carta da piantare con un asciugamano. Per accelerare l’essiccazione, riponete la carta da piantare, ancora sistemata sul telo di flanella, vicino ad un ventilatore a bassa velocità.Oppure posizionate la carta da piantare tra due retine ricavate da una zanzariera durante l’asciugatura.

10) La carta da piantare è quasi pronta. Se gli angoli della carta dovessero sollevarsi, posate dei piccoli pesi sugli angoli. Utilizzate, ad esempio, delle tazzine da caffè o dei magnetini. Quando la carta da piantare si sarà asciugata, staccatela lentamente dal telo di flanella. Se necessario, capovolgetela sull’altro lato per completare del tutto l’essiccazione. Sarà dunque pronta all’uso. Potrete piantarla nell’orto, in vaso o in giardino, oppure utilizzarla per creare dei biglietti, dei foglietti su cui scrivere o anche simpatici ciondoli da regalare:

carta piantare2

 

Pagine:«1234567...84»