Browsing "TUTORIAL"

Animali di stoffa fai da te, semplici e divertenti

Creare delle cose con le proprie mani è senza dubbio un modo davvero bello per trascorrere del tempo libero. Questa volta abbiamo deciso di proporvi un simpatico pupazzo di stoffa, che sarà creato da un semplice calzino. Un pupazzetto davvero divertente e semplice, che potranno creare anche le ragazze meno pratiche.

I pupazzetti che creeremo saranno di due tipi, quello alto e magro, e quello bassino e paffutello, che farà impazzire senza dubbio i vostri bambini.

 

Pupazzo di pezza fai da te: 1 Versione.
Ma cominciamo con il pupazzetto più alto. Prendete un calzino e tagliatelo in cinque parti, com’è chiaramente spiegato nell’immagine. Prendete il pezzo A e giratelo al contrario. Cucitene i bordi, fino a farlo diventare un sacchettino lungo, che potrete riempire con del cotone.
Prendete il pezzetto B e riempitelo con del cotone fino a farlo diventare tondo, a forma di testa. Cucitela, ed ecco che avrete creato il faccione del pupazzetto, che andrà cucito sul “corpo” che avevamo creato precedentemente.
Passiamo alla creazione delle orecchie. Prendete i due pezzetti più piccoli e cuciteli come dei sacchetti. Se volete potete riempirli con del cotone, oppure lasciarli liberi, in modo che cadano verso il basso. Cucite le orecchie sulla testa del nostro pupazzo.
Con del filo ed un ago cucite gli occhietti e la bocca del nostro pupazzo, ed il gioco è fatto. Come potete vedere, anche i bambini potranno aiutarvi a creare questi simpatici pupazzetti.

 

Pupazzo di pezza fai da te: 2 Versione.
Passiamo alle istruzioni per creare il pupazzo più bassino e paffutello. Il procedimento è più o meno lo stesso, e con l’aiuto delle figure sarà davvero un gioco da ragazze.
Tagliate il calzino seguendo attentamente le indicazioni dell’immagine. Cucite la parte A lasciando libere le estremità e riempite come fosse un salsicciotto, che andrete a chiudere con ago e filo. A quel punto potrete ricucirvi la parte del tallone.
Con il pezzo B create la testa del pupazzo, riempiendola con del cotone e cucendo la palla, che andrà attaccata al corpo paffuto del pupazzetto. Anche questa volta create il viso del pupazzetto, e il gioco è fatto!

 

Buon lavoro!

http://www.donnaclick.it/fotogallery/610-1/pupazzi-pezza-te.htma.jpg

Gen 17, 2014 - tricottare, TUTORIAL, uncinetto    No Comments

COME SI LAVORA LA CATENELLA CON LE DITA

COME SI LAVORA LA CATENELLA CON LE DITA

1) Prendi un’estremità e portala sopra il filo, formando così un anello.

2) Infila l’indice e il pollice nell’anello, seguendo il movimento descritto nel disegno.

3) Afferra il filo verticale appena sotto l’anello.

4) Estrai il filo attraverso l’anello e, con un movimento dal basso verso l’alto, porta il filo fuori dall’anello: avrai ottenuto così la prima catenella. Ripeti sempre i movimenti descritti nei passaggi 3 e 4, formando una serie di catenelle fino al termine del filo.

Dic 27, 2013 - TUTORIAL, uncinetto    No Comments

VENTAGLI A GIORNO – uncinetto


  • 1° r.: * 3 m. a., 1 m. cat., 3 m. a., tutte puntate nella 3° m. di base, saltate 2 m., 1 m.a.3 m. cat. 1 m. alta, tutte puntate nella m. seg., saltate 2 m. *. Term. con 1 m. a. (cimosa).
  • 2° r.: 2 m. cat. per volt., * 3 m. a. 1 m. cat. 3 m. a. nell’arco delle 3 m. cat. della r. prec., 1 m.a.3 m. cat. 1 m. a., tutte al centro del ventagliene della r. prec.

Rip. sempre la 2° riga.

Set 19, 2013 - bottoni, TUTORIAL, uncinetto    1 Comment

Uncinetto: bottoni

 

bottoni

BOTTONI RICOPERTI ALL’UNCINETTO

Bottone pieno

Avviate 3 m. cat. e chiudete in cerchio con 1 m. bss. 1° giro: lav. 6 m. b. nel cerchio. 2° giro: lav. 2 m. b. in ciascuna m. e chiudete il giro con 1 m. bss. Se non avete raggiunto la larghezza del bottone ripetete ancora una volta questo giro.

Fate due giri senza aumenti poi diminuite: * 1 m. b., saltate 1 m. *. Infilate il bottone da ricoprire e continuate le dim. fino ad avere una sola m. al centro. Con lo stesso filo attaccate il bottone all’indumento. Potete rifinire il lav. con 1 giro di m. bss. sul margine del bottone.

bottoni1 uncinetto

Bottone ad anello

Intorno ad un anello di plastica lavorate 1 giro di maglia bassa molto stretto e agganciatevi con 1 m. bss. nella 1^ m. b. Sul dietro attraversate l’anello con dei fili diagonali e attaccate il bottone all’indumento passando attraverso il centro di questi fili.

bottoni2 Uncinetto

BOTTONI LAVORATI ALL’UNCINETTO

Bottone a pallina

Avviate 3 m. catenella e chiudete in cerchio con 1 m. bss. Continuate la lavorazione in tondo a m. b., aumentando gradatamente fino ad avere un dischetto di cm 1 di diametro. Fate qualche giro senza aumenti e riempite il sacchettino venuto a formarsi con della bambagia. Chiudete poi le maglie in tre giri e con lo stesso filo attaccate il bottone all’indumento.

bottoni3 Uncinetto

Bottone rotondo

Avviate 4 m. cat. e chiudete in cerchio con 1 m. bss. 1° giro: 6 m. b. nel cerchio. 2° giro: a m. b. aum. 1 m. ogni 2. 3° giro: puntate l’unc. nel cerchio iniziale, estraete il filo e riportatelo piuttosto lento all’alt. delle cat. del 2° giro dove lo fisserete gettando il filo sull’unc. ed estraendolo attraverso le 2 m.

Eseguite questo passaggio 12 volte. 4° giro: a m. b. entrando in ogni cat. di base. 5° giro: puntate l’unc. nella cat. del 3° giro ed estraete 1 m. lunga che chiuderete gettando il filo sull’unc. ed estraendolo attraverso le 2 m. Proseguite a m. b. dim. gradatamente prima 1 m. ogni 3, poi ogni 2 fino ad esaurimento delle m.

Set 5, 2013 - tricot, tricottare, TUTORIAL    No Comments

UNA ROSA PORTAMONETE

Un gomitolo uno schema: portamonete a forma di rosa

Scritto da

Inizia finalmente il caldo, sbocciano le rose e viene voglia di ispirarsi alla natura anche nei propri accessori. Ecco quindi un piccolo schema di Giuliano Marelli per creare un portamonete, una borsetta o anche un portacellulare un po’ fru fru, a forma di rosa.

Occorrente:
1 gomitolo di cotone o lana
1 uncinetto n. 2,50 e una n. 3

Punti utilizzati
:

Catenella, avvio del lavoro in tondo, maglia bassissima, maglia bassa, mezza maglia alta, maglia alta

Portamonete a rosa di Giuliano Marelli

Portamonete a rosa di Giuliano Marelli

Pannello anteriore e panello posteriore si lavorano allo stesso modo
Con l’uncinetto avviare 4 catenelle, chiudere a cerchio con una maglia bassissima nell’ultima catenella dall’uncinetto (avvio in tondo). Nel cerchio lavorare,

1° giro: 3 catenelle (sostituiscono la 1a maglia alta) e 9 maglie alte, 1 maglia bassissima nella 3a catenella di avvio del giro.
2° giro: 3 catenelle, 1 maglia alta nella stessa maglia di avvio, 2 maglie alte in ciascuna delle 9 maglie seguenti.

3° giro: 3 catenelle, *2 maglie alte nella maglia seguente, 1 maglia alta nella maglia seguente*. Ripetere da * a * per 9 volte; 2 maglie alte nell’ultima maglia, 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

4° giro: 3 catenelle, *2 maglie alte in ciascuna delle 2 maglie seguenti, 1 maglia alta nella maglia seguente*, ripetere da * a * per 9 volte; lavorare 2 maglie alte nelle ultime 2 maglie, 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

5° giro: 3 catenelle, *2 maglie alte nella maglia seguente, 1 maglia lata in ciascuna delle 2 maglie seguenti*, ripetere da * a * per 16 volte; 2 maglie alte nell’ultima maglia.

6° giro: 3 catenelle, *2 maglie alte nella maglia seguente, 1 maglia lata in ciascuna delle maglie seguenti*, ripetere da * a * per 22 volte. Totale 89 maglie; Sospendere il lavoro.

Rosa
Con l’uncinetto n. 3 avviare 6 catenelle, chiudere a cerchio con una maglia bassissima nell’ultima catenella dall’uncinetto (avvio in tondo). Nel cerchio lavorare,

1° giro: 3 catenelle (=1 maglia alta) e 17 maglie alte;

2° giro: 1 maglia bassa nella 1a maglia, *5 catenelle, saltare 2 maglie, 1 maglia bassa nella maglia seguente*, ripetere da * a * per 5 volte; 5 catenelle, saltare 2 maglie, 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

3° giro: in ciascuno dei 6 archi creati nel giro precedente con le catenelle, lavorare un petalo A (1 maglia bassa, 1 mezza maglia alta, 2 maglie alte, 1 mezza maglia alta e 1 maglia bassa); 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

4° giro: 1 maglia bassa nella 1a maglia del 2° giro sottostante, *6 catenelle dietro le maglie del petalo seguente lavorando 1 maglia alta in rilievo presa dietro intorno alla colonnina della maglia alta del 2° giro sottostante*, ripetere da * a * per 5 volte; 6 catenelle, 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

5° giro
: in ciascuno dei 6 archetti creati nel giro precedente lavorare un petalo B (=1 maglia bassa, 1 mezza maglia alta, 4 maglie alte, 1 mezza maglia alta e 1 maglia bassa); 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

6° giro: 1 maglia bassa nella 1a maglia del 2° giro sottostante, * 7 catenelle dietro le magli del petalo seguente lavorando 1 maglia alta in rilievo presa dietro intorno alla colonnina della maglia alta del 2° giro sottostante*, ripetere da * a * per 5 volte; 7 catenelle, 1 maglia bassissima nella 1a maglia.

7° giro
: in ciascuno dei 6 archetti lavorare un petalo C (= 1 maglia bassa, 1 mezza maglia alta, 6 maglie alte, 1 mezza maglia lata e 1 maglia bassa); 1 maglia bassissima nella 1a maglia; spezzare il filo.


Confezione

Applicare la rosa al centro di uno dei pannelli cucendo con piccoli punti solo il rovescio dei petali più esterni alle maglia sottostanti.
Con diritto contro diritto unire il margine dei pannelli lasciando libero, per l’apertura, un arco di 12 cm circa, rivoltare il sacchetto.
Eseguire un laccetto ai lati dell’apertura, al centro di ciascun pannello: puntare l’uncinetto al centro dell’arco, fissare il filo con 1 maglia bassissima e lavorare 26 catenelle; spezzare e fissare il filo. Per la tracolla preparare un cordoncino ci 300 cm; fissare le volute con un nodo alle estremità e applicate i nodi ai lati dell’apertura, sul rovescio del lavoro in corrispondenza delle cuciture.

Giuliano Marelli

 

 

 

Ago 22, 2013 - maglia, moda, tricot, tricottare, TUTORIAL    No Comments

MAGLIA FACILE

 
 

La nuova maglia di Giuliano Marelli

Scritto da in Schemi: Knit&Crochet

filitaly 2009-001

Facilissima, senza aumenti e diminuzioni, ecco la nuova creazione di Giuliano Marelli, dal suo concept nuova maglia: capi senza tempo realizzati con moduli quadrati e rettangolari, ideali anche per le principianti.

Il modello che Marelli ci regala è realizzato con Manu, uno dei filati tecnici di Filitaly-Lab, un brand di cui parleremo a lungo presto.

MODELLO 2009/001 – FILITALY-LAB

Filato: Manu col. 811 (gr. 150 ca), col. 1310 (gr. 150 ca.), col. 1315. (gr. 150).
Ferri: n. 7
Ago da lana con punta arrotondata
Taglia
: 44-46

Campione: 10×10, rasata: 9,5 maglie 15 ferri
Difficoltà: facile
Con i ferri: maglia rasata diritto, costa 2/2, maglia legaccio.
Con l’ago: punto maglia per l’unione delle maglie.

Sciarpa, davanti sinistro e manica sinistra:
si lavora in un pezzo unico iniziando dal margine corto della sciarpa. Con il colore grigio avviare 50 maglie e, per il bordino, lavorare 4 ferri a maglia legaccio, pari a cm 2,5. Proseguire a maglia rasata diritto, eseguendo ai lati 3 maglie a maglia legaccio; lavorare 4 ferri con il colore grigio, quindi proseguire alternando i colori ogni 10 ferri, ripetendo sempre la sequenza panna, grigio, cammello. A cm 130 dal bordino (pari a 194 ferri), per formare il lato d’abbottonatura del davanti sinistro, avviare a nuovo, sulla destra del lavoro, 50 maglie; su queste due nuove maglie lavorare a punto coste 2/2 per due ferri, pari a cm 1,5, mantenendo sulle restanti maglie l’impostazione precedente. Al termine del bordino, proseguire su tutte le maglie a maglia rasata diritto eseguendo ai lati 3 maglie a maglia legaccio e alternando sempre i colori nella sequenza indicata in precedenza. A cm. 33 dal bordino del davanti sinistro (pari a 50 ferri), per chiudere il fianco sinistro mettete in sospeso le prime e le ultime 29 maglie. Continuare sulle 42 maglie centrali rimaste e, per la manica sinistra, lavorare ancora per cm. 20 (pari a 30 ferri). Per il bordino finale proseguire a maglia legaccio per 4 ferri, pari a cm. 2,5, quindi intrecciare le maglie.

Tasca:
con il colore grigio avviare 20 maglie e lavorare 17 maglie a maglia rasata diritto e 3 maglie a maglia legaccio. Alternate 10 ferri con il colore grigio, 10 ferri con il colore cammello e 10 ferri con il colore panna (cm. 20 di altezza totale). Intrecciare le maglie.

Confezione e rifiniture:
unite fra loro a punto maglia le maglie in attesa del fianco sinistro. cucite il sotto-manica. Fissate la tasca sul davanti sinistro, subito sopra il bordo del fondo e a cm 6 dal margine d’avvio del davanti.

Lug 25, 2013 - TUTORIAL, uncinetto    No Comments

Uncinetto: I Pippiolini

 

PIPPIOLINO ALTO
* 5 cat., 1 m. bss. nella 1° cat. *. Rip. da * a * senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini

 

PIPPIOLINO PER MERLETTI – 1
2 cat., * inserite l’une. nella 1° cat, filo sull’unc. e ritirate 1 m.; si avranno 2 m. sull’une. Nell’ultima m. aggiunta eseguite 2 cat.
Uncinetto-Pippiolini
   
PIPPIOLINO PER MERLETTI – 2
Togliete l’unc. da tutte e due le maglie ottenute; infilatelo di nuovo nella prima di queste maglie *. Rip. da *a* senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini
   
PIPPIOLINO A PUNTA PICCOLA
* 3 cat., inserite l’une. nella cat. centrale e lav. 1 m. b. Inserite l’unc, nella cat. seg. a sin. e lav. ancora 1 m.b. Rip. da* a * senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini
   
PIPPIOLINO A PUNTA GRANDE
* 5 cat., nella 4° cat. lav. 1 m. bss., nella 3° cat. lav. 1 m. b., nella 2° cat. lav. 1 m. a. e nella 1″ cat. lav. 1 m. alts. *. Rip. da* a* senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini
   
PIPPIOLINO AD ANELLO
* 5 cat., 1 m. a. inserendo l’unc. nella 1° cat. avviata * Rip. da* a* senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini
   
PIPPIOLINO A MAGLIE ALTE
6 cat., nella 3° cat. lav. 1 m. b., gett. 3 volte il filo sull’unc., inserite l’unc. nella 1″ cat., lav. 1 m. a. tripla;
* 3 cat., 1 m. b. nella 1° cat., 1 m. a. tripla nel secondo punto obliquo della m. a. tripla prec. *. Rip. da* a senza voltare il lavoro.
Uncinetto-Pippiolini
Pagine:«1234567...17»