Browsing "lana"
Ago 4, 2008 - lana    3 Comments

PELUCCHI ed INFELTRIMENTO

Per togliere i pelucchi antiestetici dai pullover, arrotolate intorno alle dita una strisciolina di carta vetrata finissima e sfregatela delicatamente seguendo il senso della maglia

Lo sapete che se usate il latte con acqua riuscite a togliere l’infeltrimento da un maglione??

 basta fare più lavaggi con latte e acqua tiepida poi lasciare a mollo per 3/4 ore e lavare il capo….
Lug 22, 2008 - animali, lana    3 Comments

FELINA CREATURA

                                                                                                                                                                     62b1c35a39660f5e0c3217d75507bc3d.jpg                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   (foto di http://odililly.fotoblog.it/ )     Fili colorati-gomitoli ingarbugliati-zampe feline-micidiali come mine-maglioncino ciao-tu sparisci con un miao.00801305bff919dd8293094bd2b9acdc.jpg9d91e4b11a29df45f66eb4cb69785e91.jpg7cafab1d864f671599f07fd3a0458b65.jpg                                                                              

uno dei tanti articoli sul knit cafè di Imola

1f307c08571e2ae3860538e056b52189.jpg13 febbraio 2008 

Adesso va di moda fare la calza al bar

Serate organizzate dal club «Magie di maglia». All’enoteca «Le magie di Bacco» di Imola appuntamenti periodici dedicati alle appassionate di ferri e gomitoli. Molte le giovani, ancora pochi gli uomini. La riscoperta di un hobby dagli effetti terapeutici.
Imola. Un dritto e un rovescio, tra un sorso di vino, appetitosi stuzzichini e quattro chiacchiere in compagnia. E’ il knit cafè, la moda del momento, che riunisce le appassionate di maglia non attorno al caminetto di casa, ma al bar. Anche a Imola l’insolita tendenza, che in America sta dilagando pure tra i divi di Hollywood, sta prendendo piede per iniziativa del club Magie di maglia, nato attorno al negozio I fili di Dora e in collaborazione con l’enoteca-ristorante Le magie di Bacco.
Appuntamenti periodici dedicati al piacere di incontrarsi e di condividere in pubblico la passione per ferri e gomitoli. A far tintinnare i loro strumenti di lavoro, sedute attorno al tavolo, poche nonne e molte ragazze, a smentire il luogo comune in base al quale «fare la calzetta» sia un passatempo solo per attempate signore. «Al momento  ha 12 anni la più giovane partecipante al nostro club, nato nell’ottobre scorso e che conta già circa 60 iscritti». Vanessa, questo il suo nome, infila con calma e attenzione i punti sui ferri. Ha cominciato a lavorare a maglia da pochi mesi «per divertimento», spiega timida, seguendo l’esempio della nonna Liliana, che le siede accanto. «E’ stata una sua decisione – conferma la nonna – e ha imparato subito i punti basilari».
Vanessa ha già fatto due sciarpe, contagiando anche la sua migliore amica, Marica. «Non so ancora cosa sarà – risponde a chi le chiede cosa sta realizzando con quella lana candida –. Lo faccio per passare il tempo». Per tutte le protagoniste del knit cafè fare a maglia è una vera e propria terapia. Riduce lo stress, dà soddisfazione, aumenta l’autostima, è un potente antidepressivo. «Per me è una necessità fisica – racconta Laura di Lugo, 48 anni, di professione ceramista –. Sono molto creativa e mi piacciono tutte le attività manuali, dall’uncinetto al découpage. Quando faccio una maglia, penso già ai prossimi tre lavori da realizzare. E alla fine, ho anche il coraggio di indossare quello che invento. La maglia mi ha anche aiutato a superare momenti difficili, dopo la morte di mia mamma. Quando lavoro, tengo impegnata la mente sul progetto». Per Stefania, che alterna la maglia ai turni in ceramica e al ménage familiare «è una terapia che rilassa, un modo per uscire dalla routine». Suo figlio Alessandro, di 8 anni, siede accanto a lei e si cimenta con i sui primi punti. «Ogni tanto faccio maglie anche per le mie colleghe – prosegue Stefania, sferruzzando veloce –. Mi chiedono i modelli visti sui giornali. Una volta ha voluto provare anche mio marito, che pensava fosse semplicissimo, ma dopo due minuti ha rinunciato».
Cristina, 35 anni, fa l’impiegata. Mentre lavora alla manica del pullover per suo figlio, scambia quattro chiacchiere con Michela, 25 anni, studentessa in dolce attesa. A maggio nascerà la sua bimba e nel frattempo le sta preparando una copertina grigio-rosa. Per loro, tutto è cominciato da uno dei corsi organizzati da Lorena e da lì hanno continuato a frequentare il negozio. «Il knit cafè è una bella iniziativa – concordano –. E’ un pretesto piacevole per uscire e fare a maglia, visto che a casa non c’è mai tempo». Cristina, pendolare, si porta i ferri anche in treno, che prende ogni mattina alle 6.56. «E’ un ottimo sistema per svegliarmi – assicura – e un modo per socializzare. Spesso infatti la gente mi chiede informazioni, incuriosita». Fare a maglia facilita anche l’integrazione, come nel caso di Livia, di origine romena, che ha conosciuto Lorena partecipando alla realizzazione della sciarpa più lunga d’Italia, appassionandosi di nuovo a un’attività per anni lasciata da parte e conoscendo nuove amiche. Del gruppo fa parte anche Serena, 25 anni, impiegata part time, «iscritta per scherzo» a un corso di maglia e già in grado di insegnare a sua volta quello che ha imparato alle amiche Silvia e Ursula. «In questi ultimi anni c’è stata una riscoperta della maglia – aggiunge Roselia Irti, già insegnante di inglese, scrittrice e ora impegnata come maestra nei corsi organizzati da Lorena –. Mi fa molto piacere vedere le giovani di oggi, figlie di una generazione di ex sessantottine che a volte non sanno nemmeno usare ago e filo, riavvicinarsi a questa attività che dà il piacere di produrre qualcosa di bello e utile per sé e per gli altri».
La passione per la maglia corre anche sul filo del web. A tenere aggiornato il blog facendo spesso le ore piccole davanti al computer, è Cristina , 28 anni, impiegata. «Dalla fine di ottobre abbiamo avuto oltre 4.800 contatti – racconta con entusiasmo –. Ci scrivono da tutta Italia per chiedere informazioni sui nostri modelli e su come avviare attività analoghe dalle loro parti. Mi è arrivata una e-mail da un ragazzo di Torino interessato a diventare socio del club e a ricevere il corso di maglia in dvd che mandiamo a chi si iscrive».
La maglia, infatti, non è più affare di sole donne. In Inghilterra e in America sempre più uomini ricamano e lavorano coi ferri. Già nel 2001 Lorena  aveva lanciato il progetto Se sferruzzo non guido, in collaborazione con il pub imolese Porteño, riuscendo a coinvolgere un piccolo gruppo di uomini. Il tabù è però duro da scalfire, anche se non mancano le eccezioni. Marco, 28 anni, impiegato, non ha nessun problema a imbracciare i ferri. «La passione mi deve ancora venire – ammette scherzando –, ma è sempre meglio saper fare di tutto. Metti che la mamma mi cacci di casa e mi serva una coperta per dormire…».

Articolo tratto da “Sabato sera” di venerdì 8 febbraio 2008

Lorena Mirandola
Pagine:«12345