Browsing "lana"

punto campione

campione

Ciao a tutte le persone interessate a creare cose un poco fuori dal solito, ho fatto un campione di un punto che potrebbe andare bene come sciarpa, bordo, o altre vostre idee.

Il campione è formato da 46 maglie ma 8 maglie sono la parte destra come base liscia, perciò non contatela, vi spiego su 38 maglie.

Il punto è punto legaccio, cioè tutti punti dritti sia sul ferro pari che dispari.

Ho fatto 2 ferri a punto legaccio,

poi 2 punti, chiudo 10 maglie, 2 punti, chiudo 10 maglie, 2 punti, chiudo 10 maglie, 2 punti.

2 punti, monto su 10 maglie, 2 punti, monto 10 maglie, 2 punti, monto 10 maglie, 2 punti.

E continuo così…

 

 

 

 

 

Animali di stoffa fai da te, semplici e divertenti

Creare delle cose con le proprie mani è senza dubbio un modo davvero bello per trascorrere del tempo libero. Questa volta abbiamo deciso di proporvi un simpatico pupazzo di stoffa, che sarà creato da un semplice calzino. Un pupazzetto davvero divertente e semplice, che potranno creare anche le ragazze meno pratiche.

I pupazzetti che creeremo saranno di due tipi, quello alto e magro, e quello bassino e paffutello, che farà impazzire senza dubbio i vostri bambini.

 

Pupazzo di pezza fai da te: 1 Versione.
Ma cominciamo con il pupazzetto più alto. Prendete un calzino e tagliatelo in cinque parti, com’è chiaramente spiegato nell’immagine. Prendete il pezzo A e giratelo al contrario. Cucitene i bordi, fino a farlo diventare un sacchettino lungo, che potrete riempire con del cotone.
Prendete il pezzetto B e riempitelo con del cotone fino a farlo diventare tondo, a forma di testa. Cucitela, ed ecco che avrete creato il faccione del pupazzetto, che andrà cucito sul “corpo” che avevamo creato precedentemente.
Passiamo alla creazione delle orecchie. Prendete i due pezzetti più piccoli e cuciteli come dei sacchetti. Se volete potete riempirli con del cotone, oppure lasciarli liberi, in modo che cadano verso il basso. Cucite le orecchie sulla testa del nostro pupazzo.
Con del filo ed un ago cucite gli occhietti e la bocca del nostro pupazzo, ed il gioco è fatto. Come potete vedere, anche i bambini potranno aiutarvi a creare questi simpatici pupazzetti.

 

Pupazzo di pezza fai da te: 2 Versione.
Passiamo alle istruzioni per creare il pupazzo più bassino e paffutello. Il procedimento è più o meno lo stesso, e con l’aiuto delle figure sarà davvero un gioco da ragazze.
Tagliate il calzino seguendo attentamente le indicazioni dell’immagine. Cucite la parte A lasciando libere le estremità e riempite come fosse un salsicciotto, che andrete a chiudere con ago e filo. A quel punto potrete ricucirvi la parte del tallone.
Con il pezzo B create la testa del pupazzo, riempiendola con del cotone e cucendo la palla, che andrà attaccata al corpo paffuto del pupazzetto. Anche questa volta create il viso del pupazzetto, e il gioco è fatto!

 

Buon lavoro!

http://www.donnaclick.it/fotogallery/610-1/pupazzi-pezza-te.htma.jpg

Adesso ti insegnerò come fare dei piccoli giochi per il tuo micio

  1.  Innanzittutto è bene sapere che, pur essendo addomesticati, i gatti tenono sempre a mantenere vivo il loro istinto di predatori e cacciatori, e in più, è utilissimo per la loro salute che sia così. Con questo semplice gioco il vostro gatto sarà stimolato nella caccia e avrà “l’illusione” di stare cacciando per davverogatto, giochi, riciclo il proprio cibo!
  2. Procurati una bottiglina di acqua in plastica (ovviamente vuota) e pratica un piccolo foro a metà della sua altezza. Adesso inserisci nella bottiglia alcune crocchette del tuo gatto, badando bene che il buco permetta il passaggio delle crocchette stesse. Non esagerare con le crocchette però! Basta un pugno scarso! Adesso prendi la bottiglia e falla rotolare in terra: le crocchette usciranno una per volta a seconda di come verrà mossa e quando il tuo micio avrà capito come funziona (cosa che di solito avviene in 3 secondi) vedrai come sarà felice!
  3. Ora ti spiegherò come fare delle palline divertentissime per micio! Allora prendi della lana (magari un vecchio gomitolo) e arrotolala su sè stessa fino ad ottenere una pallina non troppo grande: i gatti amano la lana! Alternativa puoi prendere della carta stagnola e appallottolarla: il rumore che farà la pallina sarà un continuo stimolo per il gioco!
  4. Un altro giochino divertentissimo (questo ti assicuro ance per te…) è fare delle palline con lo scotch: arrotolalo sul sè stesso cercando di tenere fuori molta della parte “attaccosa”: micio farà uno show incredibile perchè puntulamente l’avrà attaccata alle zampine o sul pelo! Niente paura non si farà male, ma vi divertirete un sacco!

LA MAGLIA E’ UN PALLONE GONFIATO

 

 

 

Voglio il palloncino (a maglia)!

Scritto da in Recensioni di lana

ape montata

ape montata

Non so voi, ma io ho sempre voluto imparare a piegare i palloncini a forma di animale, fiore, pupazzetto. Come i bambini, ogni volta resto imbambolata a guardare questi animatori che, da un salsicciotto di plastica gonfio di
elio, tirano fuori un mondo di cose. La Skacel ha avuto la bella idea di insegnarci a farlo, però con la maglia. I modelli proposti sono stati progettati per lana
autorigante da calzini. Seguendo il pattern, si realizzano una serie di salsicciotti colorati che, una volta imbottiti, vanno piegati e incastrati tramite le apposite strozzature tra un salsicciotto e l’altro, diventando buffi animaletti. I pattern sono in vendita sul sito, dove è anche possibile vedere le immagini di tutti gli animaletti realizzabili.

ape a salsicciotto

ape a salsicciotto

Veruska

 

RICAMARE IL LEGNO

E sgabelli a punto croce

 

Lo sgabello Bentey nella seconda versione ©Ragnheiður Ösp

Di Ragnheiður Ösp abbiamo già parlato a proposito dei suoi cuscini NotKnot. Bentey Riprende lo stesso gusto di una tecnica manuale portata alle estreme conseguenze. In questo caso, si tratta di ricamo a punto croce eseguito su legno anziché su stoffa. La designer forta con un trapano il legno seguendo il disegno di una semplice decorazione a punto croce o improvvisando un ricamo casuale, quindi con un grosso ago inserisce il filo di lana. Gli sgabnelli usati sono stati prima Benjamin di Lisa Norinder per Ikea, poi gli sgabelli disegnati dalla stessa Ragnheiður Ösp.

Anche in questo caso non è impossibile “riciclare” l’idea a casa. Basta fare una riproduzione ben ingrandita dello schema a punto croce che si desidera riprodurre e quindi marcare i punti dove eseguire i fori col trapano (cosa un po’ tediosa) e procedere al ricamo, che oltretutto è sostituibile con colori sempre diversi quando la lana si consuma o sporca.

©Ragnheiður Ösp

 

 

Pagine:«12345»