Nov 18, 2016 - Senza categoria    No Comments

LA LAMPADINA AUTOPRODOTTA CHE ILLUMINA GRATIS CAPANNI, BUNGALOW, CASETTE DA GIARDINO E CUCCE

 

Un ingegnoso quanto semplice sistema alla portata di tutti per illuminare gratis una stanza con una bottiglia e dell’acqua. Arriva dalle favelas questo sistema di illuminazione a impatto zero.

lampadina, lampadina dei poveri, bottiglia, capanno, garage, casetta legno

Un sistema ingegnoso quanto semplice, realizzato da un umile meccanico che vive in una favela, Alfredo Moser, diventa utile anche per noi se vogliamo illuminare gratis un capanno in giardino, un bungalow, la classica casetta da giardino o… la cuccia del cane, che non sempre è apribile da sopra e a volte proprio difficile da pulire bene!
Ovviamente ci sono sistemi di illuminazione senza fili, a energia solare, come quelli che sfruttano un piccolo pannello esterno che alimenta un led all’interno. I costi per questi prodotti vanno dai 50 ai 100 euro e più. Ma è possibile realizzare qualcosa di completamente gratis riciclando poche cose che abbiamo in casa.

L’idea di Alfredo Moser è stata quella di utilizzare la luce solare e l’acqua per diffondere luce all’interno di baracche in lamiera senza finestre. Illumina molto di più di un semplice foro e non lascia passare la pioggia o il freddo. Nel video sotto si vede bene la differenza e quanto può illuminare un piccolo sistema come questo. Il sistema si può sfruttare facilmente per tutte quelle situazioni in cui la spesa di un led a energia solare o di un impianto sarebbero troppo, oppure in situazioni di emergenza o provvisorie.

lampadina, lampadina dei poveri, bottiglia, capanno, garage, casetta legno, cuccia cane, tetto

Servono pochi elementi, tutti riciclati:

  • 1 bottiglia di vetro con tappo, per rendere facili i successivi riempimenti e la pulizia (Nel video si utilizzano bottiglie di plastica. Noi suggeriamo di usare il vetro, sia per durata che possibilità di lavaggio facile. Ovviamente nel video data la situazione utilizzano quello che trovano. La plastica però, scaldandosi, può deformarsi o emettere sostanze nocive, anche se in proporzioni del tutto trascurabili. Meglio il vetro per la nostra lampadina autoprodotta! )
  • 1 pezzo di lamiera di recupero (o altro materiale consono rispetto alla copertura su cui la porrete)
  • sigillante a scelta (si può usare silicone, stucco idrorepellente ecc.)
  • acqua
  • 1 cucchiaio di ipoclorito di sodio (cioè candeggina, per evitare la formazione di alghe nell’acqua stagnante)
LA LAMPADINA AUTOPRODOTTA CHE ILLUMINA GRATIS CAPANNI, BUNGALOW, CASETTE DA GIARDINO E CUCCEultima modifica: 2016-11-18T01:24:35+00:00da lauratani
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento